domenica 26 luglio 2009

Imperatori romani. Una storiaccia di cani.

E' pomeriggio inoltrato. La calura è soffocante, Lupina da dentro la sua postazione-acquario, osserva intorpidita il paesaggio campeggistico semi deserto.
In realtà, solo chi la vede da fuori può pensare che stia osservando.
In realtà, ella si è dipinta due occhi sulle palpebre, ha appoggiato il mento sulle mani, e dorme.

Ma ad un certo punto, un campeggiatore turba il suo placido sonno di receptionist mentalmente assenteista: un pensionato smagliettato, con pantaloncini optical che ricordano tanto la pavimentazione dei bagni delle sue scuole elementari, si avvicina con fare deciso alla sua postazione.
Nonostante gli accidenti e le parolacce espresse solo a livello mentale, Lupina si scuote dal sonno profondo, e si appresta a dare udienza al gentile utente.
"Buongiorno signorina!"
"Buongiorno, Signor Campeggiatore Anziano e Senza Maglietta. In cosa posso esserle utile?"
"Ha visto entrare qui una coppia di giovani con un cane giallo?"
Lupina è imbarazzata. Vorrebbe confessare che stava dormendo, ma teme ritorsioni lavorative, e si informa meglio.
"Ehm, veramente non ci ho fatto molto caso... ma quando sono entrati?"
"Adesso! Come ha fatto a non vederli?"
"Ma.. io veramente... ehm, stavo guardando lo schermo del computer... dovevo fare una cosa, ehm, ero un po' distratta"
"Non è possibile, sono passati ADESSO"
"Ehm, effettivamente forse li ho visti, ora che mi ci fa pensare, solo che ehm, non ci ho fatto molto caso"
"Ecco, quei due lì sono due DELINQUENTI!"
"Accidenti, cosa hanno combinato?"
"Ha visto quel cane giallo brutto, un po' marroncino, grosso enorme con una capocciona così?"
"Ah, sì" mente Lupina, "l'ho visto, certo."
"Lei mi deve dire come si chiamano, io vado dai carabinieri , li devo denunciare!"
Si inchina sotto il bancone, e riemerge brandendo sotto l'ascella un kalashnikov a forma di cane-topo, il quale comincia a mitragliare un'abbaiata stridula fastidiosissima: "Vede questo povero canetto mio? Quel cane giallo brutto ha tentato di mangiarlo!"
"Su, i cani non mangiano gli altri cani! Si saranno magari un po' azzuffati"
tenta Lupina in modalità esperta cinofila, "sa come sono i cani, quando si vedono si annusano un po' il sedere, e se non si piacciono si abbaiano"
"Ma quel cane lì è un DELINQUENTE!" insiste il signore smagliettato, minacciandomi col topo, "Ci ha aggrediti fuori dal supermercato! Mi ha fatto cadere in un'aiuola, ho sbattuto il sedere per terra per salvare il povero canetto mio (Lupina comincia a sospettare che il kalashnikov si chiami proprio Povero Canetto Mio, vista l'insistenza) dalle grinfie di quel cagnaccio! Ma non finisce così, io li denuncio! Però lei mi deve dire come si chiamano."
"Ah no, questo proprio non posso. Anche perchè non so chi siano, abbiamo 300 piazzole con un migliaio di utenti, non posso ricordarli tutti."
"Ma magari si ricorda il cane. Aveva un nome che avevo già sentito... un nome strano... un nome... da imperatore romano!" esulta il padrone del Povero Canetto Mio.
"Si chiamava... mmh, non mi viene in mente."
Lupina fa uno sforzo sovrumano e tenta: "Ehm, Nerone?"
"Nono, in un altro modo"
"Traiano?"
"No, no, che Traiano. Era proprio un altro nome. Da imperatore romano, ha presente?" ribadisce il Signore Smagliettato.
"Boh, Cesare... Tiberio? Marco Aurelio? Diocleziano?"
"Noooo, un altro nome! Mi aiuti!"
Lupina vorrebbe dire al Signore Anziano che fino ad ora gli imperatori li ha detti tutti lei e lui nemmeno uno, e che sta facendo uno sforzo sovrumano per ricordarseli, ma si contiene.
"Romolo Augustolo? Pertinace?" Fine dei nomi. Non gliene vengono in mente altri.
"Nooo" risponde seccato il padrone del Povero Cane Mio. Momento di pausa.

"Ecco come si chiamava! " mi annuncia trionfante, "Si chiamava BIRILLO!"



A volte mi chiedo se ho le visioni, o se qualcosa in quello che mangio quotidianamente è avariato.
Forse ho un pallino di grasso che mi preme una vena nella testa.
Boh.

11 commenti:

Mblue ha detto...

uahaahahahaaaa.
Come ti capisco. Essere all'accoglienza, in qualsiasi forma, a tratti ha del "lavoro surreale"

cubo ha detto...

ahahahahah non ho parole!
certo lupì che potresti studiarli meglio i nomi degli imperatori romani ^_________^

France ha detto...

Oddio!!
Lorenzo mi ha guardato e si è chiesto come mai ridevo da solo come uno scemo!:-)

Sheireh ha detto...

E non ti sei fatta dire prima e dopo quale imperatore ci fosse Birillo?

Polly5vm ha detto...

Come non conosci l'imperatore Birillo Augusteo???
hahahhaha

alice ha detto...

"Cerco un libro, ma non ricordo l'autore. Il titolo ha qualcosa a che vedere con un germoglio e un cecio... o era una rapa?"
"..."


Dopo 40 minuti (40!) in cui la tizia dà fondo all'intera classificazione dei vegetali e dei legumi, vien fuori che era "la rabbia e l'orgoglio" della Fallaci.
E giuro che quando le imbrocco mi sento come il Mago Oronzo e mi faccio paura da sola.

Alice telepatizzatrice

unionjackmi ha detto...

Un mio ex capo, il giorno prima di andare in ferie deve fare il telodicoiodovedeviandare e mi parla di quando è stato in Egitto. Molto bello l'Egitto.

SI', MA IO DOMENICA PARTO PER LE MALDIVE.

Maldive, che ci sarà mai... In Egitto fai la crociera, ti fanno vedere le piramidi e poi c'è quella statua bellissima... sai quella... quella (e fa segno di segarsi un braccio con l'altra mano)

LA VENERE DI MILO?

Già! Bellissima la Venere di Nilo...

PERCHE' NO, ERA ANDATO IN EGITTO!

ลงประกาศฟรี ha detto...

ลงประกาศฟรี,ลงโฆษณาฟรี,ภาพเคลื่อนไหว,ภาพพื้นหลัง

Raffa ha detto...

Con l'imperatore Birillo ho riso mezz'ora, poi, per poterti ringraziare per il buonumore donato, ho letto del "germoglio e cecio" della Fallaci, e sono definitivamente caduta dalla sedia davanti al pc!
grazie infinite, ad entrambe
Raffa

Anonimo ha detto...

oddio questo tizio deve essere imparentato stretto stretto con mia suocera. sono arrivata qui tramite il blog di serial e leggendo questo post non potevo credere ai miei occhi. questo è il post che lo prova
http://chiali.splinder.com/post/21404546/la+romana+e+la+ciociara

Anonimo ha detto...

Интересно написано....но многое остается непонятнымb