domenica 21 settembre 2008

Stati di allucinazione.

Come avete appreso dal melenso post da me pubblicato, oggi era il Nanocompleanno.
Non c'è stata alcuna festa, in quanto la Zia è in Messico, la coppia Asl-Mimetica erano altrove in compagnia di amici e il perfido duo Alzheimer-Ansia doveva assolutamente pulire tutto lo scantinato, altrimenti la sciagura si sarebbe abbattuta su tutti noi e non sarebbe rimasto vivo neanche il gatto (questo però lo sosteneva solo Nonna Ansia, gli altri si sono dissociati).
Però il regalo Gig-lupino glielo abbiamo dato oggi: un trattore giocattolo IDENTICO al trattorino rasaerba del Nonno Alzheimer: praticamente un Mini-Me su pneumatici.
Inutile dire che oggi è stata una giornata terribile.
Innanzitutto, mai regalare cose a pedali a chi non sa pedalare. Vi assicuro che è molto frustrante: il Nano ha sentenziato, lapidario, quetto non fa, ed ha tentato di sbarbare il semiasse. Il resto del pomeriggio è trascorso tra urla belluine e strappamento di abiti (il Nano, in preda alla furia dei terrible two, ha sviluppato una certa propensione per la tragedia), e tutti per colpa del trattore che (secondo lui) non andava.
Alla fine abbiamo trovato un compromesso: ho legato uno spago sul davanti, e l'ho trascinato in giro per tutto il giardino. Il cordino era stato recuperato da un paio di pantaloni miei da ginnastica, di quegli obbrobri con la coulisse in vita, lo spessore era di pochi millimetri, praticamente uno spago. Ora, se sommiamo gli 8 kg e mezzo del trattore, più i 12 e 200 del Nano, più pesi variabili degli oggetti via via caricati sul pianale del carrello (pila di pigne con tanto di pinoli, gatto Nenne recalcitrante, altri trattori miniaturizzati, legna da ardere, sassi e ghiaia), è ovvio che lo spago diventa un'arma, e ti taglia le dita come se fossero di polenta.
Adesso ho le falangi color roastbeef. Ma non importa, basta che lui sia felice. E comunque, da quel momento in poi, il trattore è diventato meraviglioso, irresistibile.

Alle 18.30, dopo ore e ore di lavoro di movimento terra, sono finalmente riuscita a staccare il Nano dal trattorino e a portarlo ad una specie di fiera nel centro del paese. Ogni tanto il Nano si voltava dalla mia parte chiedendomi ma il trattòe c'è?, totalmente disinteressato rispetto al resto del mondo. Frotte di bambini urlanti e scalcianti gli planavano addosso come zecche sui greggi di pecore, e lui niente: intonato il suo mantra, non cagava nessuno.
Ma il tattoe doè? 'Un c'è? Ma il tattoe c'è? Doè il tattoe?
Visto il successo dell'operazione, il Nano è stato portato a casa, nutrito con abbondante pappagellà, pigiamizzato e finalmente allettato.
Il tutto, condito dal solito mantra:
Ma il tattoe doè? 'Un c'è? Ma il tattoe c'è? Doè il tattoe?
Ma il tattoe doè? 'Un c'è? Ma il tattoe c'è? Doè il tattoe?
Ma il tattoe doè? 'Un c'è? Ma il tattoe c'è? Doè il tattoe?
Alla fine, esausto, è crollato.

Però stamattina ha fatto capolino in questa casa, debitamente travestita da regalo, una gru.
Il mantra adesso ha un nuovo protagonista.
Ma la U doè? 'Un c'è? Ma la U c'è? Doè la U?

Parenti, lo so che non mi leggete, che siete tutti ottuagenari e il computer non sapete manco cos'è, comunque vi avverto lo stesso: smettete di regalare al Nano tutti questi mezzi da movimento terra. Sappiate che io nutro grandi speranze su di lui, voglio che diventi un medico di fama internazionale. Non voglio che faccia il guidatore di trattore o il manovratore di gru, che poi si sporca tutto e a me tocca lavare. E' un casino mandare via il grasso dai polsini delle camicie, parola di una che lo Smoll lo metterebbe anche nel thè per ammorbidirne il gusto.
Per favore, qualcuno regali al Nano l'Allegro Chirurgo.
Fate felice una mamma.

7 commenti:

Mammamsterdam ha detto...

La gru e il trattore sono una fase anch'essi, se ti fidi delle fasi. Verso i 5 anni subentrano altre cose (per esempio le carte Pokemon, bandite con successo in casa se le è fatte comprare dalla nonna ignara).

Arriverà anche la fase medico. non te la auguro, da noi si sta manifestando con due tentativi di commozione cerebrale in 6 giorni.

Meglio il grasso sui polsini, i goccioloni di sangue sulla maglietta preferita con il pesce sfidano tutti i solventi e non gliela manco posso buttare.

Comunque complimenti per la proprietà di linguaggio.

Ciao,
Ba

PIKU ha detto...

lupi, guarda che l'uomo sul mega escavatore fa figo più del dottore in camice bianco, soprattutto d'estate, quando uno sta a torso nudo nella polvere...e non stiamo parlando del medico...
:) PIKU

Freestyle ha detto...

:) per prima cosa, in ritardo, ma tanti cari auguri al nano!
Il mio non è ancora in fase da mezzi da movimento terra ... ma con terrore aspetto che arrivi ;)
Un bacio!

MadreSnaturata ha detto...

Non hai speranze. Finirà come il mio, ad abbracciare ruote di trattori VERI durante matrimoni chiccosamente campestri imbrattandosi come un animale. Non c'è speranza...

thecatisonthetable ha detto...

Ma allego chiùggo doè?
'Un c'è?
Ma allego chiùggo c'è?
Doè allego chiùggo?

thecatisonthetable ha detto...

PS: io (che sarei femmina) ad 1 anno pesavo tanto come il nano a 2(che sarebbe pure maschio)...

Ora capisco cosa c'è che non va in me...

:-(

Anonimo ha detto...

Lupina, sono Antigua di LG. Auguri a voi tutti, ma soprattutto al Nano che tanto nano non è. Il tuo blog mi regala una delle poche risate quotidine. Spesso l'unica. Grazie. Un abbraccio grande.