sabato 21 luglio 2007

Auguri, Nano.



Caro Nano,
oggi compi dieci mesi. Sei un omino grande, ormai: è la tua prima età con la decina, ed è davvero emozionante pensare che la prossima volta, ovvero quando avrai 10 anni, romperai le palle per avere i Power Ranger (a patto che ci siano ancora), mentre ora ti accontenti di cacciarti in bocca tutto quello che trovi sul pavimento (comprese le crocche dei gatti, ohibò).
Facendo un bilancio di questi 10 mesi passati in totale simbiosi con te, devo dire che sei davvero un bimbetto simpatico e sveglio. E non lo dico perchè siamo parenti, intendiamoci. Non hai gli occhi azzurri dei tuoi nonni, ma pazienza. Non hai neanche i capelli biondo-cenere di tuo padre, e pazienza lo stesso. Non hai neanche parlato a sei mesi come la tua intelligentissima mamma, ma vabbè, da un lato è quasi meglio, considerando che io da allora non mi sono zittita un attimo ed ho fracassato i maroni a tutti. In compenso sai fare un sacco di cose.
Sai infilare e sfilare le USB dal computer. Infatti le porte USB sul lato esterno del case le hai fatte fuori.
Sai toglierti il pannolino da solo, se decidi che è giunto il momento di darsi al naturismo, ed ami spargere quel disgustoso gel intriso di pipì dappertutto.
Sai gattonare a velocità supersoniche, ed hai capito perfettamente l'utilizzo dei rubinetti. Difatti hai già allagato il bagno una volta.
Sai fingere di telefonare: ti avvicini all'orecchio il mio cellulare urlando "Addoo! Addooo!", e noi tutti giù a ridere pensando che simpatico, e poi si scopre che hai chiamato il call center della Guardia di Finanza per puro caso. E questo senso di inquetudine che mi accompagna tutte le volte che ti vedo prendere in mano il telefono, chissà se quando avrai dieci anni mi avrà abbandonato?
Sai spaventare a morte la gente urlando come un disperato ed approfittando del fatto di saper fare il camaleonte solo con la faccia. Quando passi dal fuxia al blu, con gli occhi stretti e la bocca spalancata in una smorfia di disperazione e si vedono quei due dentini di sotto, mi verrebbe da chiamare il 118 e farti il massaggio cardiaco tutte le volte. Mannaggia a me, ci casco sempre.
Sai dire "mmamma" benissimo, anche se chiami mamma qualunque oggetto desti per un attimo il tuo interesse, sai anche fare NONONO con la testa quando io tento di impormi sul fatto che raccogli una formica da terra e te la mangi, oppure se ti sorprendo mentre stai mangiando i filamenti di cellulosa dei pannolini. Peccato che tu faccia NONONO sorridendomi con i tuoi occhi furbi, e tu ti cacci la roba in bocca lo stesso, non cagando di striscio le mie imposizioni poco convinte.
Sai anche stare in piedi da solo senza sostegno, ed hai messo a punto un sistema di atterraggio pneumatico sul culo che dovrebbero brevettare alla Nasa.
Sei un bambino davvero fantastico, e la tua mamma è infinitamente orgogliosa di te anche se in sostanza non sai fare un cazzo.

Ho appena scoperto con grandissima sorpresa che ti piace Rainer Maria Rilke: ho visto che ti sei interessato a Lettere a un giovane poeta e Su Dio. Adesso attendo con ansia che tu ricaghi le pagine 49-50 e 51-52. Giusto per seguire un po' l'andamento. Vabbè che era un libro noioso, ma perchè non ti mangi i Barbapapà, che è roba più adatta a gente della tua età?

Con infinito Amore,
La Tua Mamma.

7 commenti:

artemisia ha detto...

secondo me fanno più cagare i teletubbies, ma anche winniericchiopooh non scherza!

la simo ha detto...

hey bimbetto...mi sa che tu sei nato fortunato ad avere una mamma così simpatica !! il divertimento non ti mancherà sicuro.
un bacione a tutti e due !!

Anonimo ha detto...

Viste le foto, è un bimbo bellissimo ed è anche preciso a te!! Che faccino furbetto che ha!
Biba

inquilina g ha detto...

Passare ai kushies?

Claudia ha detto...

Ciao, leggo sempre e non commento mai... lo faccio oggi per dirti che sei simpaticissima e il tuo nano è uno spettacolo! Bacioni

m@w ha detto...

Già, guarda che i kushies li puoi masticare a lungo prima che si rompano... oppure naturismo integrale, con questo caldo!

Wood ha detto...

Che bello!
Pensi che gli farai leggere un giorno questa lettera e le altre che gli hai dedicato sul blog?