giovedì 1 maggio 2008

Privacy

"Salve, vorrei prenotare una camera doppia in mezza pensione per una settimana, in agosto."
"Bene, signora, a che nome la prenoto?"
"..."
"Signora? Mi lascia il suo nominativo?"
"Preferirei di no."
"Ma guardi che non posso prenotare una stanza senza un nome."
"Ma c'è la privacy! Non posso lasciarle il mio nome, scusi!"
"Signora, io come faccio a prenotarle una stanza se non mi lascia un nome? Non è una cosa che si fa di solito, io ho bisogno di un nome e di un recapito, altrimenti non so davvero come fare."
"Un recapito? Ma lei scherza! Se non le lascio il nome, si immagini se posso lasciarle il recapito!"

Ha ragione la Misteriosa Signora. C'è la privacy.
Mah.

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Eh. Se la signora sapesse che ieri, per qualche ora, i suoi redditi sono stati liberamente disponibili su internet con tanto di nome e cognome, le piglia un mammatrone ;)
Leels

thecatisonthetable ha detto...

Poteva fare come la Julia in Notting Hill e prenotarsi a nome di Pocahontas...

alice ha detto...

Io se vengo nel tuo albergo col Grinta mi faccio mettere la stanza a nome "Ciccia Formaggia e Ciccio Porcello", sappilo.
Alice anonimatrice

Jes ha detto...

dai sarà stato uno scherzo...

Anonimo ha detto...

mmmh...c'aveva l'amante da portare in hotel...SICURO! ;)
lunetta

unodicinque ha detto...

anzi che ha parlato! Poteva rimanere in silenzio......per la privacy :o)

Anonimo ha detto...

ma stiamo diventando davvero così matti? www.mammenellarete.it