giovedì 25 ottobre 2007

Banana assassina.

"Pronto, mamma?"
"Chi è?"
"Hai presente tua figlia, quella che ti sta sempre appiccicata e che ti vuole tanto bene, che viene a fare la spesa nel tuo frigorifero e alla quale stiri tutto, persino i calzini? Ecco, sono l'altra. Quella col Nano. Volevo dirti che sto per partire"
"Come per partire? E dove vai?"
"Parto col Gig. Andiamo a fare bungee jumping sulle Ande."
"Bungee Jumping? Ma tu soffri di vertigini! E poi non hai gli abiti adatti! Ed il Nano soffrirà là in quei posti terribili, non mangerà niente! Morirà di fame, gli verrà il raffreddore con tutti quegli spifferi, e non ha nemmeno la canottiera giusta!"
"Mamma, non preoccuparti. Non lo portiamo mica"
"E a chi lo lascerete? Mica a me?"
"No, non preoccuparti: lo lasciamo ad un orfanotrofio. Starà benissimo, vedrai"
"Ah, va bene. Per un attimo ho pensato che lo lasciaste qui da noi: sai che non può stare in questa casa, abbiamo troppi oggetti delicati."
"Beh, si sta facendo tardi, ed i nostri cavalli sono impazienti di partire."
"Ah, perchè, andate a cavallo? Bravi, bravi. Ma tu non avevi paura dei cavalli?"
"Sì, avevo il terrore, ma in sogno mi sparisce sempre, e certe volte sogno pure di cavalcare..."

Ecco cosa può succedere ad una Lupina stressata durante un mini-riposino di 4 minuti, se si mette ad addormentare il Nano da sdraiata sul letto.

Forse dovrei smetterla con tutti quei documentari sugli sport estremi e sulle catene montuose.

2 commenti:

unodicinque ha detto...

più che altro dovresti smetterla con la marijuana, o , almeno, comprarne di buona :o)

rebecca ha detto...

:D:D:D:D:D:D:D
per un attimo ho pensato che la conversazione fosse reale!
:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D