mercoledì 31 ottobre 2007

L'ultima cena.

Ieri sera a villa Lupina si è consumata l'Ultima Cena.
L'Ultima Cena a base di alimenti normali. Da stasera, dopo la fustigazione da parte della Dottoressa Cattiva, comincerà un triste declino alimentare verso la cottura a vapore e alla piastra, la pesatura al milligrammo dei cibi, e la sparizione dei condimenti dalla mia vita.
Il Gig, che è un falso magro e nasconde dei bei bottiglioni di lardo spalmandoli sulla sua notevole altezza di uomo gigantesco, si è molto cavallerescamente offerto di seguirmi in questo percorso fatto di gravi privazioni.
Il Nano, che invece è già a dieta mangiando solo cibi sani (se si toglie la pasta al ragù di ieri a pranzo e le patatine di mais che ha voluto mangiare di legge ieri mattina), non avvertirà minimamente la differenza.
La cena di ieri sera ha visto me ed il Gig fortemente impegnati nella distruzione fisica di una spigola e di un cospicuo quantitativo di patate arrosto, ed è terminata con la distruzione sistematica di una tavoletta di cioccolato Lindt alle nocciole, che però non essendo terminata deve essere ancora in giro per casa. E siccome cioccolata=pericolo, adesso la annienterò. Ovviamente mangiandola.

Si prospettano tristi giorni per le Lupine obese.

6 commenti:

My ha detto...

anche noi ieri pesce e patate

e bhè?

no, niente.

billo ha detto...

se ti piace la cioccolata fondente, non disperare.
a me la dietologa aveva dato l'ok a qualche quadretto di cioccolata fondente a fine pasto, se ne avevo voglia. rigorosamente fondente, però. e senza frutta secca dentro.
avevo fatto il conto e il quadrettino della novi valeva circa 23 calorie....
coraggio.
billo

Lupina ha detto...

Io amo la cioccolata, anche se caduta per terra, piena di capelli e leccata da un lebbroso ad un elevato livello di infezione.
Però so che uno sgarro tira l'altro...

la simo ha detto...

non sto mica qui a raccontarti che io combatto col problema opposto da quando son nata e mi tocca darci sotto con le robe ipercaloriche per metter su un po' di ciccia e mica sempre è piacevole e cosa non darei per avere qualche forma in più eccetera eccetera...
passo subito al dunque, ovvero, ma tu non credi che nelle patatine al mais ci sia una sostanza che crea dipendenza e assuefazione ??!!
no perchè qui spesso ci prendon delle voglie mattutine che ci trascinano fino all'ipermercato con qualunque tempo e contro ogni ragionevole ragionamento!

Anonimo ha detto...

eh ma vuoi mettere quanto è bello mangiare...
non è che ce ne sono poi così tante, di cose belle, perchè privarsene?
(ovviamente senza danneggiare la salute, veh)
rebecca

billo ha detto...

le patatine al mais sono i fonzies?
in quel caso la risposta è "sì", sono fatte al 90% di quelle sostanze psicotrope ed assuefanti di cui parla la simo.
billo infiorettata per i prossimi 4 mesi e costretta di conseguenza a non toccare nè una patatina nè una briciola di cioccolata